Oggi incontriamo Alessandro Caso, Partner di Intesys, per scoprire i motivi che l'hanno portato a scegliere Liferay come vendor di riferimento.

Nome e cognome
Alessandro Caso

Professione
Digital Director

La tua passione
Sono appassionato a tutto il mondo digitale e credo nell’innovazione del marketing attraverso la creazione di servizi a valore aggiunto, capaci di migliorare le performance di vendita e di costruire profonde relazioni tra le aziende e i clienti.

Perché avete scelto Liferay
Abbiamo scelto Liferay perché è una community di sviluppo appassionata all’open source, approccio in cui in Intesys crediamo profondamente da sempre. Abbiamo partecipato fin dalle prime community e, ad oggi, oltre ad essere partner commerciale siamo anche partner di contribution, sostenendo al 100% l’open source come percorso circolare fatto di partecipazione attiva e contributo in prima linea. Inoltre, la linea di evoluzione seguita da Liferay in questi anni verso la Digital Experience Platform si sposa perfettamente con il nostro approccio che definiamo “Design to Deliver”, in cui il cliente viene seguito in tutte le fasi del progetto dall’analisi dei bisogni fino all’implementazione di soluzioni su misura, ponendo al centro le esigenze degli utenti e gli obiettivi di business. Questa filosofia comune ha rafforzato ancora di più la nostra partnership in questi ultimi anni.

Tre punti di forza di Liferay
A livello di valori, la vocazione CSR driven: Intesys viaggia esattamente sulla stessa lunghezza d’onda. A livello di mission, la solidità: Liferay è una tecnologia ideale per progetti complessi di carattere enterprise perché consente di costruire architetture robuste e scalabili e con esse soluzioni tecnologicamente avanzate, progettate su misura per rispondere alle esigenze dei clienti. Inoltre, il modello open source offre molte possibilità di personalizzazione per realizzare soluzioni flessibili e modulabili attorno ai sistemi informatici dei clienti. A livello tecnologico, la modularità e il polimorfismo: Liferay ha avuto la grande capacità di evolversi, adattandosi alle esigenze del mercato e passando dal concetto di portale a quello di piattaforma. Seguendo il trend delle architetture API oriented, si presta bene all’evoluzione architetturale che Intesys sostiene e promuove.

Da quanto siete partner di Liferay?
Da maggio 2018.

Descrivi il tuo percorso con Liferay nel corso degli anni
Abbiamo iniziato a lavorare con Liferay nel 2008 e fin dall’inizio abbiamo dato il nostro contributo alla community: a partire dalla versione 5.2 sul piano delle traduzioni in italiano, poi sul bugfix e dando feedback sulle funzionalità di business del prodotto. Da lì abbiamo investito nei clienti con progetti e portando i loro feedback nella community, finché nelle prime conferenze aperte a tutto il mondo siamo stati invitati a partecipare da Liferay in quanto tra i maggiori contributori a livello italiano. Dall’open source a un approccio utente-centrico, Liferay ha integrato funzionalità adatte al mondo enterprise all’interno della piattaforma Digital Experience Platform (DXP). Abbiamo seguito corsi e percorsi di certificazione, arrivando ad essere uno dei partner italiani e sviluppando una trentina di progetti nell'arco di 13 anni. La partnership si è sempre più consolidata ed ha dato vita anche a iniziative ambiziose, come Headless & API date, evento che dal 2019 realizziamo con il supporto di Liferay per trattare temi legati all’evoluzione delle architetture informatiche complesse per la digital transformation. Recentemente, in occasione dell’ultimo Liferay Global Partner Summit, Liferay ha riconosciuto a Intesys il Social Responsibility Award per il progetto di informatica sociale Open Hospital, un ulteriore segnale di condivisione profonda dei valori e della Responsabilità Sociale d’Impresa.

Il progetto più interessante sviluppato con Liferay 
I progetti realizzati in questi anni sono molti, ma senza dubbio uno dei più interessanti è stato quello realizzato per il Gruppo Veritas, multiutility veneta operante nel Nord-Est. Lo scopo era riprogettare e realizzare il nuovo Sportello On Line (SOL), dedicato alla gestione del rapporto con l’utenza, per aumentare la customer base digitale e alleggerire i tempi di lavoro del call center per le richieste di supporto legate ai servizi digitali. Al centro del progetto sono stati collocati i bisogni degli utenti e a tal fine è stato adottato un approccio Desgn to Deliver, capace di combinare una logica utente centrica nella progettazione dei servizi a una tecnologia affidabile, scalabile e flessibile, quella di Liferay DXP, integrata con i sistemi aziendali già adottati dall’azienda. Abbiamo agito in ottica di integrazione dei canali digitali, fisici e telefonici per creare un’esperienza utente senza frizione, immediata e pensata per favorire la relazione con l’utente, la raccolta di informazioni e la loro condivisione. Notevoli i risultati raggiunti dal progetto: più di 1000 nuove attivazioni ogni settimana con l'80% andate a buon fine al primo tentativo, -20% delle chiamate al call center per le operazioni disponibili da SOL, un’irrisoria percentuale di segnalazioni di difficoltà di utilizzo della nuova piattaforma a fronte degli attuali 140 mila utenti registrati.

"Intesys è per noi un partner molto rilevante perchè basa la sua attività su tre colonne portanti che sono: una forte conoscenza della piattaforma DXP, una grande proattività in termini di comunicazione, un allineamento con i valori Open Source di Liferay" Andrea Diazzi, Direttore commerciale Italia e Grecia di Liferay

Restiamo in contatto!

Vuoi ricevere ulteriori informazioni sulle nostre soluzioni di digital experience? Contattaci subito

Scopri di più sulle competenze e gli innovativi progetti di Intesys  
Commenti